Il Comune di Santa Croce sull’Arno si organizza per prevenire nuovi contagi: test sierologici ai dipendenti, termoscanner, Lunch Box, smart working

Pubblicato il: 28 Ottobre 2020 Comunicato stampa

L'Amministrazione di Santa Croce sull’Arno, per le dipendenti e i dipendenti comunali, ha messo a disposizione cento test sierologici gratuiti.

“Per la salute delle lavoratrici e dei lavoratori e per la tutela della cittadinanza questa mi è sembrata una cosa quasi scontata da fare, in questa seconda ondata. Perché se a marzo, con questi numeri, avremmo già chiuso tutto, oggi abbiamo deciso di non farlo, ma di portare avanti i servizi pubblici per lo svolgimento delle normali attività quotidiane, siano esse aziendali, familiari o personali”. Così commenta il sindaco di Santa Croce sull’Arno Giulia Deidda, che aggiunge: “Finché potremo lasciare una porta aperta, lo faremo. Rispettando le distanze, sanificandoci spesso le mani, - e colgo l'occasione per ringraziare ancora le ditte private che hanno donato al Comune delle grandi quantità di gel di alta qualità -, indossando le mascherine”.

Sempre per tutelare la salute di chi lavora per la collettività, è stato deciso i non somministrare il pranzo per le dipendenti e i dipendenti presso la mensa, ma di avviare il servizio di "Lunch Box", in modo da ridurre al minimo la condivisione di tempi e spazi tra persone di uffici diversi.


Come previsto dalle misure nazionali di contrasto al Covid19, gli uffici hanno attivato il telelavoro per i servizi per cui è possibile attivarlo.

In queste ore le responsabili e i responsabili dei singoli uffici comunicheranno una nuova organizzazione, attraverso un'adeguata cartellonistica e sul sito internet del Comune www.comune.santacroce.pi.it.

L’Amministrazione è infine in attesa di un termoscanner che misurerà la temperatura e che soprattutto automatizzerà il servizio di portineria così da permettere a chi avrà un appuntamento di accedere agli uffici comunali in sicurezza e al momento giusto.

Deidda ringrazia le associazioni di volontariato che finora si sono adoperate per effettuare il servizio di portineria: “Ringraziamo di cuore la Pubblica Assistenza e la Misericordia che fin dal primo periodo della Fase Due hanno svolto questo compito ogni giorno e ricordo che fino a che non sarà installato il termoscanner la Misericordia sarà presente per il servizio di portierato.

Santa Croce ce la sta mettendo tutta, e le Istituzioni devono dare il giusto esempio e lo stimolo a fare sempre meglio”.


Sui recenti disservizi segnalati anche da numerosi cittadini, il sindaco interviene: “A volte non tutto fila liscio: penso ai disservizi sull'illuminazione pubblica e sulla raccolta porta a porta di quest'ultimo periodo, così come penso ad altri piccoli intoppi che a qualcuno possono causare dei disagi fastidiosi. È un periodo, questo, in cui bisogna avere un po'

 

più di pazienza. Perché basta un attimo per ritrovarsi in quarantena e anche le aziende, pubbliche e private, devono affrontare assenze di più persone contemporaneamente e all'improvviso. Per questo un ultimo appello: prudenza e responsabilità devono continuare ad essere il nostro faro perché da una disattenzione di pochi minuti può dipendere la qualità dei servizi essenziali per l'intera comunità.”

 

 

Santa Croce sull’Arno, 27 ottobre 2020

Fonte: Ufficio Comunicazione Comune di Santa Croce sull'Arno

© 2015 Comune di Santa Croce Sull'Arno - Centralino: 0571 38991 | Fax: 0571 30898 | Email: comune.santacroce@postacert.toscana.it